San Giorgio Ionico

Regione, pronto il piano di potenziamento dei depuratori. Ma c'è il problema dei fanghi: una tegola da 10 milioni di euro

giovedì 16 giugno 2016
 Il piano di potenziamento dei 187 depuratori pugliesi è pronto, ma c'è un problema, grosso, che rischia di trasformarsi in una tegola per il bilancio regionale: i fanghi. Nel 2015 smaltirli è costato 10 milioni di euro in più dell'anno precedente.

Dei 187 depuratori, 13 sono sottoposti ad indagine da parte della magistratura e i restanti funzionano poco e male. L'assessore regionale alle Opere pubbliche, Giannini, è pronto a presentare il piano che, entro il 2018, promette di far funzionare gli impianti a pieno regime. Ma questa potrebbe risultare un'arma a doppio taglio per il bilancio regionale. Più i depuratori "lavoreranno" per affinare le acque e più fanghi saranno prodotti. Ma in Puglia, al momento, non ci sono impianti di compostaggio capaci di smaltire le tonnellate prodotte, al di là dell'unico nel tarantino. Per questo occorre portare al nord il materiale da smaltire, pagando molto di più. 

Un po' di numeri per capire l'entità del problema: nel 2015 si è registrato un incremento dei costi di smaltimento dei fanghi rispetto al 2014, di 10milioni di euro. Più sarà incrementrata la depurazione delle acque, più aumenterà il quanitativo di fanghi da smaltire. Oggi se ne producono 160 milioni di tonnellate, nel 2018, con i depuratori a pieno regime, si arriverà a 270 milioni di tonnellate. Per evitare di vedere incrementare di milioni e milioni di euro, anche i costi di smaltimento, la Regione, d'accordo con l'Autorità idrica, aveva progettato di smaltirli in agricoltura e di costruire nuovi impianti di compostaggio. Ma entrambe le strade sarebbero state ostacolate da Province e Comuni. L'Acquedotto pugliese, intanto, sta studiando un piano che preveda siti di compostaggio in zone che potrebbero ottenere il placet da tutti i soggetti coinvolti, ammesso che la società di via Cognetti non diventi - come più volte ipotizzato - il gestore unico del ciclo delle acque e dei rifiuti, accelerando così le decisioni sul da farsi.  
Altri articoli di "San Giorgio Ionico"
San Giorgio Ionic..
07/12/2018
Il ritrovamento a San Marzano: l'uomo nascondeva in casa ...
San Giorgio Ionic..
05/12/2018
Militari del Nucleo di Polizia Economico – ...
San Giorgio Ionic..
30/11/2018
L'incidente ieri sera, poco dopo le 19, sulla statale 100 che collega Taranto a ...
San Giorgio Ionic..
08/11/2018
Branchi di lupi in Puglia, in particolare a Noci e ...